Adista
Mer 23 aprile 2014
Adista ::. Archivio anno 2011 ::. Adista Documenti n. 68
-
 
Login
Password
Clicca qui per ricevere
copie saggio di Adista

Ultime edizioni pubblicate Ultime edizioni pubblicate Adista Notizie n. 16 - 26 aprile 2014 Adista Documenti n. 15 - 19 aprile 2014 Adista Contesti n. 43 - 01 dicembre 2012 Adista Segni nuovi n. 16 - 26 aprile 2014


  • LA RISACCA. Il lavoro senza lavoro
  • Terra rossa. Viaggio nel cuore della Tanzania
  • LA VIA APERTA DA GESU'
  • Il processo all'Isolotto
  • PAPA FRANCESCO: LA RIVOLUZIONE DEI GESTI
  • MARITO & MARITO
  • CORREGGERE LA CHIESA. CONFESSIONI DI UN VESCOVO
  • DA SUDDITI A CITTADINI. Il percorso della democrazia
  • CONCILIO E ANTICONCILIO
  • LA VIA APERTA DA GESU' /2 Marco
  • SPECIALE TEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE
  • PUNTO. E A CAPO? LA CHIESA DI RATZINGER E LE SFIDE DEL FUTURO
  • DIVINO NATURALE. La teologia in ascolto della scienza
  • FINANZA E POTERE NELLA CHIESA
  • IL QUARTO VANGELO. Racconti di un mistico ebraico
  • IL DIO CHE NON E'
  • LA CHIESA DI TUTTI


Adista documenti Segnala/Condividi

Il dolore degli altri.
Gaza sotto assedio non dimentica la Somalia

DOC-2381. ROMA-ADISTA. Se, come affermava Gandhi, «la fame è un insulto: umilia, disumanizza, distrugge il corpo e lo spirito, è la situazione più assassina che esista», il mondo non sembra troppo colpito da tale offesa. Nell’indifferenza quasi completa della comunità internazionale, la carestia che ha colpito il Corno d’Africa raggiunge una nuova regione della Somalia, quella di Bay, una delle zone più produttive del Paese. Negli ultimi otto mesi i somali bisognosi di aiuto sono passati da 2,4 a 4 milioni, tre dei quali concentrati nel Sud del Paese. E sono 13 milioni di persone in tutto il Corno d’Africa a soffrire le conseguenze della peggiore siccità degli ultimi 60 anni nella regione (ma, molto oltre la siccità, le conseguenze, per dirla con le parole di Eduardo Galeano, di un «sistema assassino che uccide gli affamati invece di uccidere la fame»). Secondo l’Onu, servirebbero almeno 2.500 milioni di dollari per attenuare la crisi, a fronte degli appena 1.100 finora raccolti. Tenta di mobilitarsi l’Unione Africana, sebbene il contribuente più generoso, la Libia, sia fuori gioco a causa della guerra. Arrivano, al solito, con il contagocce gli aiuti dei Paesi ricchi. Ed è così che la solidarietà giunge proprio dai più poveri, come gli abitanti sotto assedio di Gaza, secondo quanto racconta sul sito della rivista statunitense CounterPunch il 16 agosto scorso, il giornalista e scrittore palestinese Ramzy Baroud. Di seguito il suo intervento. (claudia fanti)



Adista Società Cooperativa a Responsabilità Limitata - via Acciaioli 7, 00186 Roma - P.I. 02139891002 - Iscrizione ROC N. 6977
www.romacivica.net/cipax/      www.peacelink.it
 

CSS Valido!